Incendio a Roma: fiamme raggiungono le ville, colonna di fumo visibile da chilometri

Vasto il rogo divampato da via Bosco Marengo. Sul posto tutti i mezzi di soccorso.

Corsa contro il tempo  nel quadrante occidentale della Capitale dove un vasto incendio ha raggiunto alcune ville e delle persone presenti in un centro sportivo dove le fiamme hanno interessato parte della struttura ed una adiacente rimessa per camper che si trova nella zona di Casalotti. Evacuate decine persone. 

Le fiamme sono divampate intorno da via Bosco Marengo, poco distante dal campo rom della Monachina. Complice il vento e le alte temperature le fiamme hanno preso forza rapidamente ed hanno raggiunto la via Aurelia (altezza svincolo raccordo anulare) su un versante e via di Casalotti dall’altro avvolgendo il quadrante ovest della Capitale sotto una inquietante colonna di fumo nera visibile da chilometri di distanza.

Secondo quanto riportato da alcuni media nel corso dell’incendio sarebbero scoppiate cinquanta bombole gpl, notizia che al momento non trova conferme da fonti di polizia consultate da RomaToday. Le bombole, al momento risultano sì minacciate dalle fiamme, ma non esplose.

Certo invece è il soccorso – al momento – di 35 persone residenti nella zona visitate sul posto dal personale medico del 118. Fra loro una mamma ed un bambino, rimasti lievemente intossicati a trasportati in codice giallo entrambi al policlinico universitario Agostino Gemelli di Roma. 

Lanciato l’allarme al 112, sul posto sono intervenuti numerosi soccorritori: vigili del fuoco, volontari della protezione civile, polizia di stato, carabinieri e polizia locale di Roma Capitale. Fiamme che nel momento in cui scriviamo continuano ad alimentarsi e sono arrivate a colpire anche un centro sportivo, un parcheggio coperto ed altre abitazioni presenti nella zona dell’incendio. 

Come informano dal comando provinciale dei vigili del fuoco, la richiesta d’intervento è arrivata alle 13:20 da via Aurelia 1052, per incendio di sterpaglie. I soccorritori stanno lavorando affinché il fuoco non raggiunga altre e abitazioni, dopo aver raggiunto alcune ville presenti nella zona. Gravi i disagi provocati dal denso fumo scaturito a seguito della combustione. Sul posto sono state inviate due Aps, un’autobotte, l’elicottero Eli/145 ed il capoturno provinciale.

Al fine di consentire l’intervento dei soccorritori i vigili urbani del XIII gruppo Aurelio hanno inizialemte chiuso la via Aurelia in direzione Civitavecchia all’altezza del grande raccordo anulare (chilometro 11). Non si esclude la presenza di persone ferite o intossicate. Riaperto il tratto di via Aurelia gli agenti della polizia locale hanno chiuso poi via di Casalotti, all’altezza del civico 73. Sul posto sei pattuglie di caschi bianchi che stanno provvedendo con gli altri soccorritori a mettere in sicurezza l’area. Nella zona anche alcuni edifici scolastiti con i dirigenti scolastici che – a titolo precauzionale – hanno provveduto a far uscire alunni e personale docente dalle strutture scolastiche. 

Incendi a Roma e provincia

Squadre dei vigili del fuoco che oltre che a Roma ovest sono impegnate in diversi quadranti di Roma e provincia. Le zone più colpite dai roghi di sterpaglie e vegetazione sono la zona dell’Aurelia, Pomezia e la via Anguillarese, in zona Osteria Nuova. Sul versante dell’incendio della via Anguillarese, a scopo precauzionale sono stati evacuati i lavoratori di Enea Casaccia, a Roma nord, una chiesa, un centro estivi per bambini ed un oratorio. A regolare la viabilità anche i carabinieri che hanno interdetto momentaneamente la via Anguillarese da Osteria Nuova ad Anguillara Sabazia. 

© Copyright romatoday.it

ATTIVITA'